testata cyberdogsmagazine
 
PERCHÉ È IMPORTANTE EDUCARE UN CUCCIOLO?
L'arrivo di un cucciolo è sempre un evento pieno di gioia e di trambusto: la piccola palla di pelo conquista immediatamente i nostri cuori e noi siamo disposti a concedergli qualsiasi vizio, dal cibo dal tavolo alla nanna sul nostro letto. Ci si rende presto conto però dell'impegno non indifferente che ci siamo scelti, ma non sempre siamo disposti a rinunciare alle nostre abitudini e comodità per il nuovo arrivato.
La scarsa conoscenza delle necessità proprie della specie e di quelle particolari del suo essere cucciolo, ci porta inoltre a collezionare una serie di errori grossolani che mettono da subito in difficoltà il suo corretto sviluppo psico-fisico. Questi fattori, combinati tra loro, possono rivelarsi micidiali.

Ed è così che pretendiamo che il cucciolo impari a fare i bisogni fuori anche se noi non siamo disposti a portarlo a spasso quanto necessario (ogni 2-3 ore durante il giorno), oppure non lo lasciamo riposare il numero di ore necessarie (20 ore per un cucciolo, 18 per un cane adulto) perché per soddisfare la nostra forte motivazione epimeletica (che ci spinge a prenderci cura di un altro essere) ce lo spupazziamo continuamente e non gli concediamo un attimo di tregua. O ancora, presi dall'ossessione dell'addestramento, cominciamo a impartirgli una serie di comandi pretendendo obbedienza. Ricordiamoci sempre e continuamente che abbiamo davanti un cucciolo, con esigenze e sensibilità particolari. Noi non abbiamo modo di intervenire sulla base genetica che determina il
comportamento e il carattere del cucciolo, né sui primi 2 mesi di vita nei quali fondamentale è il rapporto con la madre e con i fratelli, ma dal 2° al 4° mese circa è il nostro momento di intervenire.

In questa fase critica, chiamata “periodo di socializzazione”, avvengono infatti quegli apprendimenti talvolta irreversibili che si rivelano decisivi nel determinare lo sviluppo corretto del comportamento.
Fornire perciò al cucciolo gli stimoli e gli input più idonei in questo periodo sensibile è di estrema importanza, così come lo è altrettanto evitare errori che potrebbero rendere il cucciolo ansioso, irrequieto o pauroso.
A questo serve l'educazione: a fornire al cucciolo le basi per permettergli di relazionarsi nel modo corretto con la società in cui è inserito, con le diverse tipologie di persone (uomini, donne, bambini, anziani),
con gli altri cani e gli altri animali da compagnia, e di saper affrontare serenamente contesti differenti (città, campagna, parco, ristorante...). L'educazione del cucciolo va di pari passo con l'educazione del proprietario, che impara a conoscere meglio il suo amico a 4 zampe, apprende a riconoscerne i segnali e ne comprende il linguaggio, imparando a comunicare con lui nel modo più corretto. La relazione migliora incredibilmente in qualità e profondità. Spesso non si intraprende da subito un percorso di educazione più che altro perchè ne viene sottovalutata l'importanza. Pensiamo che il cane non abbia chissà quali esigenze, che tutti siamo in grado di capire quello che ci dice (la famosa frase “Gli manca la parola” lascia intendere che il cane si fa capire benissimo da solo) e che quindi non sia necessario l'intervento di un professionista per spiegarci come crescerlo. Il professionista viene spesso chiamato in causa più tardi, quando i problemi sono già comparsi e radicati.
C'è poi anche una questione economica che il proprietario non può giustamente sottovalutare. Un corso è comunque una spesa, per quanto possa essere vista come un investimento per il futuro. Prevenire è meglio che curare, e costa anche meno: mobili e tappeti mordicchiati per noia, pannolini per tutta la casa per scongiurare le pipì sul parquet, per non parlare delle lezioni di rieducazione da mettere in conto quando pazienza e speranze sono ormai esaurite.
Ma, lasciando da parte tutte le ottime motivazioni per educare il cucciolo, il percorso di educazione è innanzitutto una crescita insieme che arricchisce enormemente entrambi, creando un legame fort e un rapporto bilanciato.
Buon lavoro!

©Irene Sofia

irene sofia educiatrice cinofila

Leggi anche

* Essere proprietari responsabili
* Perchè è importante educare un cucciolo?

* Imparare giocando
* Segnali calmanti di pacificazione
* Lo stress
* Situazione di emergenza...
*
Passeggiata con lo strozzo...
* I primi mesi nella vita di un cucciolo
* Come inibire il cucciolo che vuole mordere
*
Come riconoscere l'ansia del cane
* Nel nuovo anno partiamo con il piede giusto
* Linguaggio del corpo, usalo con il tuo cane
*Gelosia del cane: consigli e tecniche

E-mail iresofia@gmail.com

Chi è la nostra educatrice .... leggete di lei

SOSCANE

Giornale

 

TUTTI GLI ANIMALI